Ricchi ma non felici. Il Qatar manda all'ergastolo i poeti
PDF Stampa
Venerdì 30 Novembre 2012

QATAR

Il Qatar è ricchissimo, il Qatar è durissimo con i poeti. Un tribunale del Qatar ha condannato all'ergastolo Mohammed al-Ajami, il ''poeta dei gelsomini'', accusato di incitamento alla ribellione contro il regime, di diffamazione nei confronti del principe reganente, Tamim bin Hamad al-Thani, e di attacco alla costituzione.

Al-Ajami (conosciuto anche come Mohammed Ibn al-Dheeb) era stato arrestato nel novembre 2011 dopo la pubblicazione della ''Poesia dei gelsomini'', che criticava i governi della regione del Golfo con versi diventati celebri: ''Noi tutti siamo la Tunisia di fronte alla repressione delle elite''. Nella copia della sentenza ottenuta da Amnesty International, non c'e' alcun riferimento alle ragioni che hanno determinato una pena cosi' dura, ma secondo l'organizzazione per i diritti umani essa e' stata determinata dai contenuti della sua poesia.

 

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online