San Marino: 29 Istanze d’Arengo. Chi chiede il redditometro, chi di dimezzare i consiglieri
PDF Stampa
Martedì 08 Ottobre 2013

palazzo pubblico

 

SAN MARINO - C’è chi chiede di introdurre uno strumento analogo al redditometro italiano anche sul Titano, chi pensa che sessanta consiglieri siano troppi e vorrebbe dimezzarli, chi pensa al doping e chi se la prende con le campane della chiesa parrocchiale.

A spulciare tutte le 29 Istanze d’Arengo ci si può fare un’idea delle tante esigenze speranze o ambizioni dei cittadini di San Marino.

E ancora, c’è chi ha chiesto l’abolizione del segreto bancario anche all’interno della Repubblica, chi una normativa antimafia. Chi vuole la creazione di un collegio estero per gestire meglio i voti dei sammarinesi residenti oltre confine, chi guarda alle problematiche legate alla viabilità, chi chiede l’insegnante di sostegno per tutte le ore di lingua straniera per gli alunni delle medie con difficoltà di apprendimento, chi, ancora, puntano al km 0 anche per l’acqua nelle mense e nei distributori per la cittadinanza.

Ora il Consiglio Grande e Generale avrà sei mesi, entro il 1 aprile 2014, per vagliarle tutte.