San Marino, i segretari Valentini e Felici hanno incontrato José Manuel Barroso
PDF Stampa
Venerdì 31 Gennaio 2014

 

I Segretari di Stato agli Affari Esteri, Pasquale Valentini, e alle Finanze, Claudio Felici, hanno incontrato ieri, a Bruxelles, il Presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso.

Nel colloquio, durato circa un'ora, sono stati evidenziati i diversi aspetti del rapporto San Marino-Europa. Il Presidente Barroso, nel definire San Marino "parte della famiglia europea", ha confermato l'interesse nel consolidare il percorso di integrazione avviato – già delineato dalla Commissione Europea e indicato nel suo recente Rapporto del 18 novembre scorso - in modo da sottolineare le diverse caratteristiche dei piccoli Stati d'Europa.

Il Presidente ha espresso soddisfazione per l'attuazione della Convenzione Monetaria tra l'Unione Europea e la Repubblica di San Marino, nonché per l'ingresso a pieno titolo del nostro Paese nel Sistema Europeo dei Pagamenti - SEPA, stabilito per il 1° febbraio prossimo. Barroso ha dimostrato altresì una particolare sensibilità alla concretizzazione dei percorsi mirati allo scambio automatico di informazioni bancarie, formulando l'auspicio che anche San Marino figuri tra i Paesi collaborativi per il raggiungimento di tale obiettivo da parte della Comunità internazionale.

I Rappresentanti del Governo sammarinese hanno rassicurato il Presidente Barroso sulla disponibilità di San Marino a confrontarsi con gli orientamenti espressi dall'UE, evidenziando la necessità di tenere collegati e armonizzare i vari tavoli di negoziato. In particolare, al fine della determinazione con cui il Paese si appresta ad affrontare tali percorsi, i Segretari di Stato hanno sottolineato che sarà fondamentale l'atteggiamento positivo dell'Italia, e conseguentemente l'uscita di San Marino dalla black list, elemento contraddittorio con l'intero quadro di apertura e apprezzamento manifestato dalla Commissione Europea.

E' stata considerata, infine, la situazione di attuale difficoltà economica del Paese e i vantaggi che deriverebbero da una sua maggiore integrazione nel Mercato Interno Europeo.

Il Presidente Barroso ha quindi evidenziato che, a fronte dell'impegno che San Marino dovrà assumersi per adeguare la propria struttura amministrativa alle sfide che nel prossimo futuro lo attendono, sarà messa in campo la disponibilità all'assistenza delle strutture tecniche della Commissione.