San Marino, Congresso di Stato: decadenza del decreto per lo sviluppo
PDF Stampa
Martedì 11 Marzo 2014

 

SAN MARINO - Il Congresso di Stato, riunito questa mattina, ha aperto i lavori con la presa d'atto dell'avvenuta decadenza del Decreto sullo sviluppo durante l'esame in Consiglio Grande e Generale. "Il Governo – ha detto il Segretario di Stato Marco Arzilli nell'incontrare i giornalisti insieme al collega Lonfernini – ha emesso subito un nuovo Decreto che recepisce le parti concordate e gli emendamenti presentati in sede parlamentare. La nostra preoccupazione è quella di dare continuità agli effetti positivi generati dal precedente Decreto. Ci sono già infatti pratiche avviate con richieste di nuove attività economiche e non vorremmo che fossero sospese".

"Naturalmente – ha osservato Arzilli - il dibattito già avuto in merito al provvedimento in aula consiliare è stato costruttivo e riprenderà quando il nuovo Decreto aggiornato sarà sottoposto a ratifica. Siamo convinti che si tratti di uno strumento importante per rendere attrattivo il nostro sistema economico attraverso meccanismi incentivanti, e la conferma ci è venuta proprio dalle richieste già pervenute".

Sempre nell'ambito dello sviluppo economico - ha aggiunto il Segretario di Stato Teodoro Lonfernini - il Governo ha esaminato stamane anche i futuri scenari politici delle politiche europee. Stiamo valutando i passi conseguenti alla visita della Commissione dei Servizi UE. E' un impegno prioritario del Governo portare avanti in tempi serrati il percorso per una maggiore integrazione europea. Valuteremo quindi le migliori soluzioni tra quelle al vaglio della Commissione che riguardano anche il Principato di Monaco e di Andorra.

Infine, Lonfernini e Arzilli hanno risposto alle domande dei giornalisti circa l'eventuale cambio di deleghe in occasione della sostituzione del dimissionario titolare della Segreteria al Territorio e Ambiente, Matteo Fiorini. "Il Governo non ha ancora affrontato l'argomento – hanno dichiarato- né se ne è parlato all'interno delle forze politiche di maggioranza. Ne parleremo al più presto, anche con riferimento alla tempistica data da Fiorini stesso, la cui scelta - hanno commentato – personale e non politica, rispettiamo pienamente.

A nome del Governo i Segretari di Stato Arzilli e Lonfernini hanno poi espresso le loro condoglianze a S.E. Anna Maria Muccioli per la perdita del padre. L'Ufficio di Presidenza a tal proposito sta già valutando di modificare la tempistica dei lavori consiliari in vista della cerimonia funebre, che avrà luogo domani alle ore 15.

L'Ufficio Stampa del Congresso di Stato si unisce alle condoglianze a S.E. Anna Maria Muccioli.