San Marino, Congresso di Stato: la presenza della politica nelle banche
PDF Stampa
Martedì 30 Settembre 2014

 

SAN MARINO - Il Governo ha approfondito la questione legata alla presunta partecipazione di membri dell'esecutivo in società bancarie.

I contatti con imprenditori o portatori di progetti rivolti alla Repubblica di San Marino, sono un evento ordinario – precisa il Segretario di Stato per le Finanze, Claudio Felici.- Anche in quest'ultimo periodo ne abbiamo avuti almeno una quindicina. Si tratta di una parte della più ampia attività di promozione di San Marino come luogo di investimenti, nell'ottica della apertura ed internazionalizzazione del sistema. E' comunque prassi rigorosamente seguita quella di trasmettere i progetti di investimento al vaglio delle autorità o uffici competenti per le necessarie verifiche, nel caso di investimenti del settore bancario e finanziario si tratta di Banca Centrale e dell'Agenzia di Informazione Finanziaria, mentre per altri controlli si tratta dell'Ufficio Tributario o dell'Ufficio Industria. Tali valutazioni sulla sussistenza dei requisiti richiesti sono assolutamente di competenza di tali organismi, che operano in totale autonomia e dal cui parere non è possibile prescindere. Il Governo quindi, non ha mai effettuato trattative private con imprenditori o investitori finanziari. E mai – scandisce a chiare lettere Felici - c'è stata una mia partecipazione ad incontri in Banca Centrale.

Nel caso specifico dell'intermediario ungherese per fondi giapponesi, il Segretario di Stato Felici precisa di avere ricevuto una proposta a metà febbraio 2013 e di avere organizzato un incontro nel marzo 2013, presso la Segreteria di Stato Finanze, con la partecipazione di Banca Centrale, affinché questa potesse acquisire gli elementi per iniziare un processo di valutazione e di verifica della proposta secondo le procedure consolidate, nell'ambito dei suoi compiti istituzionali. Dal giugno 2013 non vi è stato più seguito.

Il Segretario di Stato Mularoni ha evidenziato che tutti gli incontri di cui si parla in questi giorni sulla stampa non hanno ricevuto alcun seguito né da parte degli organismi preposti all'istruttoria delle pratiche, né tantomeno dal governo, il cui potere concessorio – ha aggiunto il Segretario Belluzzi - è un ricordo del passato. Ma, hanno ribadito entrambi - siamo istituzionalmente deputati a cercare nuove opportunità di investimento soprattutto se hanno prospettive di internazionalizzazione.

Si tratta di tentativi di delegittimazione non solo del Governo ma anche degli organismi preposti al controllo. Aggiunge Arzilli. Noi dobbiamo garantire la funzionalità di tali organismi che operano con piena autorevolezza.

Nel corso della conferenza Stampa del Congresso di Stato, il Segretario di Stato Claudio Felici ha anche comunicato l'adozione del Decreto Delegato "disposizioni in materia di qualifica di persona politicamente esposta ai sensi della legge 17.06.2008 n. 92" che definisce i soggetti politicamente esposti in ragione della carica ricoperta in Repubblica o in organismi internazionali e la emanazione del Decreto Delegato per la certificazione dei ricavi degli operatori economici, tramite Pos Smac o Portale Smac che estende il periodo transitorio a tutto il 2014. L'entrata a regime in via definitiva del sistema Smac è così posticipata al 1° gennaio 2015. Il Decreto al fine di facilitare i contribuenti nella documentazione delle spese deducibili (tetto massimo deducibile per il contribuente 9.000 euro) estende la percentuale di spese da non giustificare per il 2014 dal 30 al 60%. Il residuo periodo del 2014, sarà utilizzato dall'amministrazione pubblica per terminare la messa appunto della gestione informatica della notevole casistica legata a diversi settori.

Il Segretario Iro Belluzzi ha annunciato l'emissione del Decreto sui Fondi Straordinari di solidarietà. Uno strumento che consentirà di intervenire rapidamente nei casi di cittadini in situazioni di disagio.

A valutare le domande di contributo, che non saranno solo monetizzate ma anche sotto forma di servizi e di assistenza sociale, sarà un comitato formato da tre soggetti, di cui due scelti tra rappresentanti delle associazioni di volontariato, in quanto concretamente in contatto con le reali situazioni della cittadinanza e un dipendente pubblico. Il testo del Decreto, già sottoposto al confronto con le OO.SS. sarà presto pubblicato sul sito del Consiglio Grande e Generale.

Secondo Belluzzi, già dalla prima metà di ottobre sarà possibile accogliere le domande.

Il Fondo ha già un finanziamento di €175.000 per un anno recuperati da altri fondi, a cui si aggiungeranno i contributi del 3 per mille non destinati in modo specifico dai contribuenti ad alcuna organizzazione.

Infine, la Mularoni è tornata sulla missione compiuta insieme alla Reggenza a New York per il vertice sulle mutazioni climatiche. Si sono discussi temi strategici che interessano tutta l'umanità, ha detto il Segretario Mularoni. L'impressione che abbiamo ricavato dal vertice è quella di una consapevolezza diffusa oramai a livello mondiale della necessità di agire concretamente per rallentare, se non invertire, una tendenza che mette in pericolo la sussistenza del pianeta. L'obiettivo è quello di far sì che dai prossimi vertici, che si terranno a Lima e poi a Parigi, scaturiscano direttive che rendano cogenti gli impegni alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica, la riduzione del consumo energetico e la migliore gestione dei rifiuti in una prospettiva temporale di breve temine.