Il Titano celebra il 60° della rivoluzione cinese
PDF Stampa
Venerdì 18 Settembre 2009

L’immensamente piccolo e l’immensamente grande hanno qualcosa in comune. Una storica amicizia, nata forse quando certe amicizie non potevano essere viste di buon occhio, ma che alla lunga si sono dimostrati lungimiranti. In questo fine settimana la Repubblica Popolare Cinese celebra il sessantesimo anniversario della propria fondazione e la Repubblica di San Marino celebra l’avvenimento insieme agli amici cinesi. Amici da sempre, da quando i popoli occidentali osteggiavano e temevano il dragone comunista. Amici da quando il Titano, tra i primissimi, riconobbe il governo nato dalla rivoluzione comunista.
La Repubblica di San Marino si appresta a festeggiare l’importante anniversario cinese: domani e domenica infatti sul Titano salirà una folta delegazione di amministratori di varie province, ma anche i principali manager della Bank of China, per una serie di incontri istituzionali, alternati a momenti di intrattenimento. L'obiettivo è quello di rafforzare e sviluppare i rapporti ultradecennali tra i due Paesi, anche dal punto di vista finanziario e in un momento particolarmente critico per il piccolo Stato. Domenica alle 17, verrà infatti organizzata a Faetano, alla sala della Fondazione Banca di San Marino, una tavola rotonda tra i manager di Bank of China e i rappresentanti del sistema bancario sammarinese, un'occasione importante anche alla luce dell'annuncio di qualche giorno fa del segretario di Stato per gli Affari esteri, Antonella Mularoni, dei primi contatti presi proprio con la Cina per un accordo di collaborazione fiscale. Al dibattito parteciperanno il segretario di Stato per le Finanze, Gabriele Gatti, i mamager di Bank of China, Yang Xuepeng e Du Ruigang, il direttore generale Bcsm, Luca Papi, e Fabio Gasperoni, presidente dell'Ente Cassa di Faetano.
Inoltre, la delegazione cinese, invitata sul Titano dall'associazione di Amicizia San Marino-Cina, incontrerà domenica mattina i segretari di Stato Romeo Morri (Cultura) e Fabio Berardi (Turismo), mentre nel pomeriggio sara' la volta di Mularoni, Gabriele Gatti (Finanze) e Marco Arzilli (Industria).
Sarà invece il presidente dell'associazione, e consigliere Pdcs, Gian Franco Terenzi, a rendere la cortesia, e a volare in Cina per assistere dal vivo agli attesissimi festeggiamenti che ricorderanno la vittoria del 1° ottobre 1949 delle truppe guidate da Mao Zedong e la proclamazione dell'istituzione della Repubblica popolare cinese, con una parata militare di cui si parlerà probabilmente a lungo.