Titano, addio anticipato ai libretti al portatore
PDF Stampa
Mercoledì 23 Settembre 2009

Aspettando il verdetto finale di giovedì da parte del Moneyval circa l’inserimento o meno del Titano tra i paesi meritevoli di stare nella White List, il Congresso di Stato di San Marino ha deciso di spingere sull’acceleratore per attuare quei provvedimenti richiesti in questi giorni dall’organizzazione internazionale. Due in particolare le richieste: l’estinzione anticipata dei libretti al portatore e lo stop immediato alle nuove emissioni. E il Governo, riunito oggi pomeriggio, ha deciso di dare il via libera immediata all'adozione di un decreto legge che anticipa, rispetto alla scadenza prevista del 1 gennaio 2010, la fine dei libretti al portatore. Si tratta di un provvedimento che era già in agenda del Congresso di Stato, spiega il segretario di Stato per le Finanze, Gabriele Gatti. "Andava comunque fatto – spiega – e abbiamo voluto, in questo modo, dare un segnale forte del nostro
impegno e delle nostre intenzioni".
Sull'esito del verdetto di Straburgo, atteso per giovedì, Gatti si dice fiducioso, "anche se – ammette - quando si entra in procedura rafforzata, non è semplice uscirne in breve tempo".

Nel frattempo, oggi la Repubblica di San Marino ha incassato due firme importanti: l'accordo Tiea sulle doppie imposizioni è stato siglato questa mattina con la Francia (nella foto MW) e nel pomeriggio con la Groenlandia. Al Titano manca quindi solo una firma per adeguarsi alle richieste Ocse e uscire così dalla white list.