OCSE: San Marino nella lista bianca
PDF Stampa
Giovedì 24 Settembre 2009

“Un grande risultato per l’economia del Paese”. “E’ stata dura ma alla fine siamo usciti dalla procedura rafforzata”. “Sul Monte è sparita la cappa nera che ha condizionato gli imprenditori, le banche e i cittadini”. “Da oggi si può guardare avanti”. “Un passaggio fondamentale”. “Un punto di partenza per una nuova era”. Questi solo alcuni dei commenti espressi dall’esecutivo sammarinese dopo la notizia – data alle ore 12.15 di giovedì 24 settembre direttamente da Strasburgo – dell’uscita della Repubblica di San Marino dalla lista grigia dell’OCSE. “In poche ore – ha esordito il Segretario alle Finanze Gabriele Gatti – abbiamo raggiunto due ottimi risultati: il raggiungimento della firma di 12 accordi richiesti per uscire dalla grey list dell’OCSE e l’uscita dalla procedura rafforzata imposta dal Moneyval. Da oggi l’adeguata verifica spetterà alla Repubblica”. Gatti, in conclusione, ha annunciato che a novembre il Fondo Monetario Internazionale sarà sul Titano, mentre la visita del Moneyval – sul Monte per una serie di incontri - è prevista per l’inizio della primavera. La strada però è ancora lunga. “Tra qualche settimana – ha proseguito Gatti – avremo il GAFI, e subito dopo gli accordi con l’Italia che, dopo Strasburgo, riceveranno una forte accelerata”. Il Segretario alle Finanze ha poi voluto precisare che non è stato fatto saltare il segreto bancario: “Di fronte ad accordi internazionali sullo scambio di informazioni, non può essere tenuto il segreto bancario. Mi spiego: San Marino non lo ha abrogato ma si sta adeguando agli standard internazionali”. Guai però ad abbassare la guardia. “La strada, dopo questi due importati obiettivi raggiunti – ha sottolineato il Segretario di Stato al Turismo Fabio Berardi – non è affatto in discesa. Adesso dovremo mantenere i risultato raggiunti e continuare a lavorare”.

Alessandro Carli