Masi: Infondere incisività  nelle funzioni di controllo
PDF Stampa
Venerdì 25 Settembre 2009

Visibilmente soddisfatto Tito Masi per la nomina a Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio – SUMS. Per il Consigliere di Ap ed ex Segretario di Stato all’Industria si tratta di una sorta di “ritorno a casa”, visto che dal 1987 al 1990 è stato Presidente della Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino, il più importante istituto di credito del Titano.
Tito Masi nelle sue prime parole dalla nomina ha immediatamente espresso quale sarà l’indirizzo del suo mandato: “Il primo obiettivo sarà infondere maggiore incisività nelle funzioni di controllo e di indirizzo nei confronti del maggiore istituto di credito del Paese".
“La Fondazione - spiega Masi interpellato a caldo a margine dei lavori consiliari - continuerà a perseguire senz'altro le proprie finalità, attraverso interventi di carattere sociale e di promozione culturale ed economica a vantaggio dell'intera collettività". Non solo: "E' certo, soprattutto in questi
momenti difficili - prosegue Masi - che dovrà in primo luogo assumersi fino in fondo la responsabilità che le deriva dal detenere il 100% delle azioni della Cassa di Risparmio". Infine,
l'elenco delle priorità: "Primo obiettivo - conclude - sarà quindi inevitabilmente quello di esercitare con sempre maggiore efficacia ed incisività nelle funzioni di controllo e di indirizzo nei confronti del maggiore istituto di credito del Paese".
Tito Masi, classe 1949, come dicevamo per quattro anni ha presieduto la Cassa di Risparmio. Nel precedente governo (formazione Psd-Ap-Su e poi anche DdC) ha guidato la Segreteria all’Industria, e con il suo partito, Alleanza Popolare appunto, è stato protagonista dello strappo che ha portato alla fine dell’alleanza.
Nell'attuale legislatura ha ricoperto il ruolo di presidente della Commissione consiliare giustizia, altro incarico per cui ha ricevuto diversi elogi.