Bossone: strada erta ma con la collaborazione internazionale
PDF Stampa
Venerdì 20 Novembre 2009

San Marino Forum 2009 - 20 novembre - Intervento 15

 

Biagio Bossone, Presidente di Banca Centrale, parla delle recenti dinamiche del sistema bancario sammarinese. "Negli ultimi 10 anni il numero delle banche è triplicato, e la raccolta complessiva è cresciuta di oltre il 60 per cento, fino a toccare i 14 miliardi di euro, di cui circa 9 rappresentati dalla raccolta diretta". In assoluto sono numeri contenuti, ma assumono significati ben diversi, per Bossone, se rapportati alle dimensioni dell'economia nazionale.

Il Presidente di BCSM parla della necessità dell'integrazione internazionale per il futuro del sistema. "Per uno stato dal mercato domestico così ridotto, gli impieghi non possono fare a meno dell'accesso a mercati esteri, che può essere ottenuto solo con l'integrazione internazionale assistita da opportuni trattati. Senza dimenticare che anche la raccolta da non residenti può rivelarsi molto vulnerabile, come dimostra l'esperienza dello scudo fiscale". E se l'integrazione internazionale è stata in qualche modo perseguita da San Marino, sono però mancate una visione strategica complessiva e un'azione di pronto adeguamento a un contesto in rapido sviluppo".

La necessità di fare sistema è al centro dell'intervento del Presidente Bossone. Ma il cammino sarà faticoso, e le difficoltà molte. "Ma sono certo  - ha concluso - che San Marino troverà in questo viaggio la collaborazione di altri stati e degli organismi internazionali", in primo luogo il FMI e la Banca Mondiale. "A questo proposito mi piace sottolineare che proprio questa settimana il Fondo Monetario Internazionale ha concluso due separate missioni a San Marino, iniziativa che ho voluto fortemente sin dal mio stesso insediamento in Banca Centrale".