Monday Night, i Packers fanno qualche errore meno dei Ravens
PDF Stampa
Mercoledì 09 Dicembre 2009

Quanti errori nel Monday Night di Green Bay tra i Packers e i Baltimore Ravens. Alla fine vincono i padroni di casa che rilanciano le proprie ambizioni in chiave play off, ma giocando così onestamente è impensabile che i Packs facciano troppa strada. Alla fine il punteggio (24-17) non è così sincero. Green Bay è un rullo compressore nel primo tempo, segna 3 punti con un field goal di Mason Crosby dalle 28, quindi nel secondo quarto si porta in un batter d’occhio sul 17-0, con un pass di Rodgers per Finley a 4’35 dalla fine e successivamente con un lancio che pesca Driver che si tuffa in end zone.
Partita finita? Tutt’altro. Dopo l’intervallo si sveglia Joe Flacco. La difesa (fumble di Driver) gli mette la palla in mano e lui si sblocca andando a segnare con un lancio per Kellen Washington, quindi si va sul 14-17 grazie ad una corsa da una yard di Willis McGahee dopo l’ennesimo errore (pass interference in end zone, alla fine si conteranno 310 yard di penalità, 23 flag in totale), che a sua volta segue un altro turnover griffato Driver (si tuffa per prendere la palla che gli carambola sul ginocchio e resta “viva”, ma in mano alla difesa di Baltimore).
Ma è nel quarto quarto che queste partite si vincono o si perdono. E a vincerla è Aaron Rodgers, che ritrova ritmo e precisione e trova la seconda ricezione di Finley in td che vale il pesantissimo 24-14. Baltimore è in affanno, tenta il tutto per tutto ma due intercetti nei minuti finali chiudono la partita, e c’è tempo anche per l’ultimo field goal (dalle 32 yard) per fissare il punteggio sul 27-14.
Detto delle penalità dobbiamo fare anche il conto dei turnover: tre fumble e ben cinque intercetti (3 per Flacco, 2 per Rodgers), più un calcio fallito dai Packers.