Nfl, il dicembre nero di Dallas la crisi nera degli Steelers
PDF Stampa
Lunedì 14 Dicembre 2009

In chiave play off è cambiato ben poco nella Nfl dopo il 14esimo turno, a 4 giornate dalla fine della regular season. Chi era dentro nella ipotetica griglia play off la scorsa settimana c’è ancora, chi è fuori resta (per il momento) ancora fuori. E ai play off adesso ci andrebbero le due uniche squadre imbattute, Indianapolis Colts e New Orleans Saints, i San Diego Chargers e i Minnesota Vikings (che eviterebbero il brivido della wild card), e poi ancora Jacksonville Jaguars, Cincinnati Bengals, Denver Broncos, New England Patriots, Green Bay Packers, Arizona Cardinals, Philadelphia Eagles e Dallas Cowboys. Ma i giochi sono ancora apertissimi.

 

DUE SQUADRE IMBATTUTE
Un campione è anche questo: lanciare tre td-pass strepitosi nei primi 23’, andare praticamente in default riaprendo una partita virtualmente chiusa con ben tre intercetti e poi chiudere la partita, quando un altro sarebbe probabilmente crollato psicologicamente, con un drive perfetto. È anche e soprattutto merito di Peyton Manning, di questo Peyton Manning, se gli Indianapolis Colts hanno infilato la 22esima vittoria consecutiva in regular season (la striscia più lunga di sempre), la tredicesima su 13 gare in questa stagione regolare, piegando per 28-16 i Denver Broncos. Restano imbattuti anche i New Orleans Saints (stesso record, 13-0), che sono passati ma con molta più fatica, per 26-23, sul campo degli Atlanta Falcons con 3 TD per 296 yards (31/40) di Drew Brees. Anche per i Saints la post season è già matematicamente in cassaforte.

 

DUE SQUADRE IN CRISI
Il bianco Natale in Texas è una chimera, e un dicembre sereno è ancora più improbabile per i Dallas Cowboys, che quando arriva l’ultimo mese dell’anno vanno letteralmente in tilt. Sta succedendo anche quest’anno, con la seconda sconfitta consecutiva che vale il sorpasso da parte dei Philadelphia Eagles. Dallas ha ceduto in casa per 20-17 contro i San Diego Chargers, lanciatissimi: con l’8° successo in fila e un record di 10-3 sono a un passo dai playoff.
L’altra squadra in grande crisi – questa conclamata, non semplicemente stagionale – sono i campioni in carica dei Pittsburgh Steelers, che nell’anticipo hanno perso per 13-6 in casa della squadra delusione di questa stagione, i Cleveland Browns (delusione assieme ai Chiefs e agli Oakland Raiders, altre due squadre che hanno allungato la stringa negativa degli Steelers). Per Roethlisberger più che una partita è stato un vero incubo, con ben 8 sacks subiti. Per i tifosi di Cleveland diciamo che la vittoria è arrivata grazie ad una corsa da 10 yards di Chris Jennings e 2 field goal di Phil Dawson.

 

LANCIATI VERSO I PLAY OFF
Con un punt ritornato da 72 yards e un TD da 60 su passaggio di Donovan McNabb, DeSean Jackson ha invece firmato il pirotecnico 45-38 con il quale i Philadelphia Eagles hanno sconfitto i New York Giants, con i padroni di casa volati ora in testa alla NFC East (9-4). Le corse per 97 yards e 2 TD di Adrian Peterson hanno invece spinto i Minnesota Vikings nel match vinto per 30-10 contro i Cincinnati Bengals: la squadra del quarterback Brett Favre (17/30 per 192 yards) è ora a una sola vittoria (11-2) dalla matematica conquista del secondo titolo di fila in NFC North.

 

LE ALTRE SFIDE DELLA QUATTORDICESIMA
Nette vittorie poi per gli Houston Texans, 34-7 sui Seattle Seahawks con 336 yards di passaggi di Matt Schaub e 193 yards in ricezione per 2 TD di Andre Johnson, per i Baltimore Ravens, 48-3 ai Detroit Lions con il record in carriera di yards corse per Ray Rice (166), per i New York Jets, 29-3 in casa dei Tampa Bay Buccaneers con 99 yards corse e 2 TD di Jay Feely e 3 intercetti ai danni del rookie Josh Freeman, dei Tennessee Titans, 47-7 ai St. Louis Rams con 117 yards corse e 3 TD (uno però da passaggio) di Chris Johnson, e per i Washington Redskins, passati per 34-13 sul campo degli Oakland Raiders con 2 TD serviti da Jason Campbell. Meno comoda invece la vittoria dei Green Bay Packers, passati 21-14 in casa dei Chicago Bears con 137 yards corse e 2 TD di Ryan Grant. Un TD servito da Tom Brady a Benjamin Watson sulle 5 yards ha invece fatto la differenza nel match vinto per 20-10 dai New England Patriots contro i Carolina Panthers: la squadra del Massachusetts si è così ripresa dopo due sconfitte consecutive e conservato la testa della AFC East (8-5). Tre field goal di Rian Lindell e 4 intercetti rifilati a Matt Cassell hanno invece permesso ai Buffalo Bills di passare per 16-10 sul campo dei Kansas City Chiefs, mentre Chad Henne (17 passaggi completati di fila, nuovo record per la sua franchigia) e 108 yards di corse e un TD di Ricky Williams hanno poi firmato il 14-10 dei Miami Dolphins in casa dei Jascksonville Jaguars.

 

FOOTBALL NCAA: HEISMAN TROPHY A INGRAM, NUOVA DELUSIONE PER MCCOY
Dopo avere trascinato Alabama alla finale nazionale, in programma a gennaio contro i Texas Longhorns, Mark Ingram si è aggiudicato l'Heisman Trophy, il prestigioso riconoscimento assegnato annualmente al miglior giocatore del campionato universitario statunitense di football americano. Ingram, tailback di grande potenza al secondo anno di college, ha preceduto di appena 28 punti il running back di Stanford, Toby Gerhart.
Nei 75 anni di storia dell'Heisman Trophy, premio assegnato dalla stampa specializzata, i primi due classificati non erano mai stati separati da uno scarto così esiguo. Nuova delusione, invece, per Colt McCoy. Il quarterback dei Longhorns si è piazzato terzo dopo il secondo posto dello scorso anno, mentre il reclamizzatissimo quarterback dei Florida Gators, Tim Tebow, a due anni dal suo trionfo nella corsa all'Heisman Trophy si è accontentato del quinto posto dietro a Ndamukong Suh, defensive tackle del college di Nebraska.
Ingram e gli Alabama Sooners sfideranno McCoy ed i Texas Longhorns il prossimo 7 gennaio per il titolo Ncaa.

IL MONDAY NIGHT della 14esima giornata.