Sorteggi di Champions, non poteva andare peggio
PDF Stampa
Venerdì 18 Dicembre 2009

Milan contro Manchester United, Inter contro Chelsea, Fiorentina (che partiva come “testa di serie”, per aver vinto il proprio girone) contro Bayern Monaco. I sorteggi delle italiane in Champions League sono duri, durissimi, poteva anche andare meglio. Ma se si gira la frittata dall’altra parte sono sorteggi duri, durissimi per le due inglesi che hanno “beccato” le italiane dall’urna di Nyon, e anche il Bayern Monaco, che ha trovato la Fiorentina, pur essendo in netta crescita, non può certo sperare di fare al Franchi ciò che ha combinato all’Olimpico di Torino.
Dicevamo della doppia sfida delle milanesi con le due più forti squadre d’oltremanica. Il Chelsea di Ancelotti deve giustamente temere la squadra che sta dominando (da anni) in Italia, e poi Mourinho conosce sin troppo bene i blues. Dunque c’è poco da stare allegri a Londra dopo il sorteggio degli ottavi di finale.
E poi il Manchester United contro il Milan. Innanzitutto i Red Devils sanno di non essere più quella squadra devastante che erano con Cristiano Ronaldo, e poi i diavoli rossoneri, a Manchester, evocano decisamente brutti ricordi, a partire dal 2005 sino a quell’incredibile 3-0 subito a San Siro nel 2007 (la “partita perfetta”), che poi portò il Milan sul tetto d’Europa ad Atene contro un’altra inglese il Liverpool.


QUI INTER
"Dobbiamo trasportare la nostra forza in Europa". Commenta Luis Figo, ambasciatore di poche parole dell’Inter a Nyon, nel commentare il regalo (poco gradito) dell’urna ai nerazzurri. Ma il dirigente dell'Inter non tira in ballo la sfortuna per l'esito del sorteggio, che ha abbinato l'Inter al Chelsea, ex squadra di Jose Mourinho e attualmente allenata da Carlo Ancelotti: "In questo momento non si può scegliere, ci sono solo squadre forti" ha detto il portoghese. L'unica cosa che dovrà fare l'Inter per Figo sarà “trasportare in Europa la stessa forza che permette alla squadra di dominare la Serie A”.


QUI MILAN
“Il fato ha ascoltato David Beckham". Queste le parole di Umberto Gandini, responsabile organizzativo del Milan, dopo il sorteggio per gli ottavi di finale di Champions League. Il Milan ha infatti pescato il Manchester United, proprio come voleva David Beckham, che con la maglia rossonera tornerà per la prima volta da avversario all'Old Trafford. "Siamo pronti" ha detto Gandini, "contenti di non aver incontrato subito Ancelotti". Il Milan spera che la cabala si ripeta dopo le vittorie sullo United nelle edizioni del 2005 e 2007. "A noi Manchester ricorda la partita perfetta del 2007 che ci ha portato in finale ad Atene", ha commentato Gandini. I rossoneri dovranno stare in guardia da un Manchester "che gioca un ottimo calcio" e che "è pieno di risorse". Il Milan dovrà arrivare preparato ai due scontri ma "da qui a febbraio c'è tempo", ha concluso Gandini.


QUI FIORENTINA
"Frey non andrà in vacanza a Natale! Farà gli allenamenti doppi... ha voluto il Bayern Monaco ed è stato accontentato". Scherza così l'amministratore delegato della Fiorentina, Sandro Mencucci, sull'esito del sorteggio per gli ottavi di finale di Champions League, pronosticato dal portiere francese del club viola "Siamo onorati di aver partecipato a questo sorteggio. Siamo partiti da lontano e siamo arrivati fino al sorteggio per gli ottavi di Champions, traguardo insperato". Mencucci, ai microfoni di Sky Sport, analizza l'avversario tedesco. "E' una difficile, c'erano altri club più abbordabili. Potremo avere qualche motivazione in più data dalla rivincita dello scorso anno. Abbiamo perso ma abbiamo perso di misura. Il nostro gioco non era peggiore di quello del Bayern, ce la siamo giocata. Monaco è una città vicina a Firenze, verrano nostri tifosi a migliaia, portano un valore aggiunto importante. Se guardiamo cosa ha fatto la Fiorentina in questi anni e gli incrementi succeduti, vittorie con Liverpool, passare primi il girone con 15 punti e l'espressione di gioco che ha dato Prandelli, non ci vede preoccupati. Abbiamo molto rispetto del Bayern Monaco - ha concluso il dirigente della Fiorentina - ma se l'affronteremo come fatto nel girone tutto è possibile. Ho parlato con il dg del Bayern e non è tranquillo, ora ci rispettano". E a proposito, l’ex nerazzurro Karl Heinz Rummenigge, Presidente del club bavarese, tira un sospiro di sollievo per aver evitato Barcellona o Chelsea, ma non sottovaluta i viola: “Hanno fatto una buona fase a gironi ma il nostro obiettivo è il passaggio ai quarti di finale. Questo sorteggio può sorriderci, ma solo a condizione di fare due partite molto buone”.


L’ESITO DELL’URNA E LE DATE DELLE SFIDE DELLE ITALIANE
Questo l'elenco completo degli ottavi (le squadre seconde classificate nei gironi di qualificazione giocano la prima partita in casa): Stoccarda - Barcellona; Olimpiakos - Bordeaux; Inter - Chelsea; Bayern - Fiorentina; Cska Mosca - Siviglia; Lione - Real Madrid; Porto - Arsenal; Milan – Manchester United. Le gare di andata si disputeranno il 16/17 e 23/24 febbraio, quelle di ritorno il 9/10 e il 16/17 marzo.
Per le italiane sarà il Milan a giocare per primo ospitando il Manchester United martedì 16 febbraio prossimo, la partita di ritorno in Inghilterra si giocherà mercoledì 10 marzo. Sempre per gli ottavi di Champions League, Inter - Chelsea si giocherà mercoledi' 24 febbraio, con il ritorno martedì 16 marzo. Le date di Bayern Monaco - Fiorentina sono invece mercoledì 17 febbraio (andata in Germania) e martedì 9 marzo (ritorno al Franchi).