Sport, Gp3: a Spa ko il sammarinese Emanuele Zonzini
PDF Stampa
Martedì 27 Agosto 2013

 

Un'altra gara da dimenticare. Non servono cuore, carattere e determinazione a Emanuele Zonzini per uscire dal tunnel della crisi tecnica in cui si è infilata la sua squadra, la Trident Racing. Ancora una volta il sammarinese butta giù l'amaro calice della delusione nel campionato di Gp3. Sulla pista di Spa, ancora una volta, niente è andato per il verso giusto. E non solo per Zonzini, ma anche per i suoi compagni di squadra Fumanelli e Venturini segno che le corse sulle monoposto del team italiano non stanno andando assolutamente bene. Sulla pista-mito belga Emanuele ha dimostrato grande carattere ad affrontare i problemi tecnici , e ha risposto alle avversità con grande caparbietà. A rendere le cose maledettamente difficili la vettura che sembra neanche lontana parente dalla monoposto che alla vigilia nei test faceva faville. Venticinquesimo tempo al termine delle qualifica con la monoposto che strisciava col fondo nella temibile compressione dell'Eau Rouge, Zonzini ha dovuto remare nelle retrovie.

Al via della prima sfida, toccato da dietro, il pilota della Repubblica del Titano ha finito per andare addosso a Josh Webster alla curva Source ed è stato costretto al ritiro oltre a rimediare una penalità di cinque posizioni nella seconda corsa che ha concluso al 23° posto assoluto. Un bilancio davvero in rosso quello della Trident che non riesce più a piazzare una sua vettura nella top ten. Una situazione delicata, difficile, che toglie serenità e che va risolta al più presto visto che il prossimo appuntamento sulla pista di Monza è di quelli che valgono tutta una stagione.