Rugby, c'è Italia-Argentina. Per Mallett questa squadra puòdecollare
PDF Stampa
Venerdì 12 Novembre 2010

Fare bella figura non basta più. Uscire dal campo tra gli applausi degli avversari, che però hanno segnato più punti di te, non può più accontentare l’Italrugby. E Nick Mallett per primo. Così a suonare la carica è lo stesso ct degli azzurri che domani affrontano l’Argentina nella prima gara del trittico che precede il Sei Nazioni.
A Verona l’Italia ospita i Pumas argentini. “Sappiamo che ci aspetta una partita dura, ma questa Italia ha tanta voglia di vincere”: parola di Nick Mallett, che sa bene che il momento è cruciale: “Dopo 3 anni di lavoro abbiamo una squadra esperta, con alcuni giovani di talento. Questo gruppo può davvero cambiare le sorti del movimento rugbistico”. Ottimista anche il capitano Sergio Parisse: “Abbiamo lavorato bene, possiamo fare risultato”.
Ultime notizie dal campo, purtroppo non ci sarà Mauro Bergamasco. Il giocatore ha un problema alla spalla e non ha avuto il tempo di recuperare dall'infortunio: resterà dunque fermo così a 84 presenze con la maglia della Nazionale. Al suo posto, scenderà in campo Robert Barbieri. Con molta probabilità esordirà invece il giovane Tommaso Benvenuti, schierato come ala.