Liegames 2011, San Marino ancora a caccia del primo oro. Per il tennis tavolo maschile medaglia di bronzo
PDF Stampa
Giovedì 02 Giugno 2011

dall’inviato
Pierfrancesco Grossi

 

VADUZ - Si è infranto contro Cipro il sogno biancazzurro del tennis tavolo che si porta comunque a casa una bella medaglia di bronzo. E dire che pareva esser partita sotto i migliori auspici la semifinale di ieri mattina col Wang Daqi a mettere subito al tappeto l'avversario con schiacciante 3-0, seppur con necessità del doppio vantaggio nei primi due set (13-11 e4 14-12, poi netto 11-5 al terzo). Poi invece l'inizio del declino con l'ingresso in scena di Marco Vannucci che dopo aver inizialmente faticato anche in qualificazione contro il Liechtenstein, finiva per soccombere subito al cospetto di Yangou che lo stracciava con un 3-0 senza storia (11-5, 11-8, 11-3). Allora il doppio ma anche in quello nulla da fare: illusione Wang con la gran schiacciata vincente che regalava il primo set per 11-9, ma poi amen: 11-8, 11-5, 11-6 col cipriota subito perdente con Wang irresistibile in zona d'attacco con brucianti schiacciate, e definitivo 3-1. A quel punto, sul 2-1 complessivo, mentre tra Lussemburgo e Montenegro, nell'altra semifinale, lì a fianco, volavano colpi da grande spettacolo, per Cipro l'ultima carata era Wang nel singolo con Yangou, ma nemmeno il grande Daqi biancazzurro nulla poteva contro uno Yangou peraltro incessantemente e rumorosamente sostenuto dal pubblico che assiepava le tribune. E così dopo un netto 3-0 (11-7, 11-5 e un appassionantemente tirato fino all'ultimo 13-11 ai vantaggi con emozione costante) si chiudeva la sfida: 3-1 Cipro e San Marino solo bronzo: "Sapevamo che Cipro sarebbe stato temibilissimo, quei due sono fortissimi - l'analisi del tecnico Claudio Stefanelli -. La speranza era di poter vincere il doppio, su quello puntavamo per rifarci. Così purtroppo non è stato e addio. Ma siamo comunque molto contenti. E ora concentriamoci sul torneo di doppio".


GUARDA LA FOTOGALLERY