Basket, Andorra d’oro, San Marino d’argento, Galles di bronzo: così l’esito degli Europei Under 16 div. C
PDF Stampa
Mercoledì 20 Luglio 2011
SAN MARINO - L'Europeo Under 16 ha regalato un'altra bellissima giornata di basket. Premiate con bronzo, argento e oro rispettivamente Galles, San Marino e Andorra al termine di finali molto combattute e divertenti. Grande soddisfazione per la FSP sia dal punto di vista organizzativo che sportivo: ottenere la prima medaglia da una Nazionale giovanile, per di più in casa, è stata una grande gioia.

E ancora non è finita, da martedì 19 tocca all'Under 18, e saranno presenti le più alte cariche della FIBA e il Presidente della FIP, Dino Meneghin.

 

 

FINALE 5°-6° POSTO

Monaco – Gibilterra 73-49

La domenica si è aperta la mattina con la finale per il quinto e sesto posto, sfida vinta da Monaco su Gibilterra per 73-49; Gibilterra ha provato più volte a rientrare in partita, ma i monegaschi sono sempre riusciti ad essere più incisivi, spinti dal talento di Generale (24 punti e 16 rimbalzi) e Pieper (22+15).

A Gibilterra non sono bastati gli 11 punti a testa di Rodriguez e Yome, oltre ai 10 di Britto.

 

FINALE 3°-4° POSTO

Galles – Malta 77-67

La finale per il bronzo ha visto affrontarsi Malta e Galles, con la formazione gallese capace di imporsi 77-67, dopo essere stata sotto 9-22 alla prima sirena e 32-43 all'intervallo lungo. Decisiva la mossa del coach gallese di mettere Reade (per lui anche 12 punti alla fine) sul gigante Falzon (26 punti e 26 rimbalzi - migliore del torneo con 24.4 palloni catturati a partita- ma molto limitato nella seconda metà di gara), marcatura indovinata e per Malta si è spenta la luce, lasciando troppo spazio al gioco in velocità dei super-reattivi giocatori del Galles. Per i vincitori molto bene il solito Walsh con 23 punti, Williams con 14 e Davies con 20, abilissimo a sfruttare gli scarichi dei compagni che penetravano sistematicamente. Per Malta, anche 18 di Micallef, 11 Cordina e 10 Attard.

 

FINALE 1°-2° POSTO

San Marino – Andorra 70-84

Grande attesa per la finalissima, che non ha tradito: le squadre si sono affrontate a viso aperto, ne è venuta fuori una sfida equilibrata, seppur condotta quasi sempre da Andorra: 84-70 il finale. I ragazzi di coach Liberti hanno retto alla grande fino all'ultimo quarto, spinti in attacco da Gualtieri (38 alla fine per lui - top scorer del torneo con 33.8 di media - 10 per Giannotti), hanno lottato anche in difesa, ma a rimbalzo hanno sofferto tantissimo la stazza degli avversati (64 a 35 il computo totale dei rimbalzi), con Bustamente (20 punti, 13 rimbalzi) e Peral (12+12) che hanno fatto la voce grossa; in più Andorra, oltre ad una ottima organizzazione e gioco corale, poteva contare sull'MVP del torneo, il play Moliné, bravo in regia e incontenibile in velocità e penetrazione (16 punti e 10 rimbalzi alla fine).

Peccato per i biancazzurri, ma complimenti a tutti i ragazzi, anche allo sfortunato Capicchioni che causa influenza è dovuto rimanere a casa, per aver onorato al meglio i colori di San Marino, sia dal punto di vista tecnico che comportamentale, davvero un bel gruppo. Tornando ai premi individuali, oltre al già citato MVP Moliné, la targa 'fair-play' è andata a Falzon di Malta; assieme a questi due giocatori, sono stati inseriti nel quintetto ideale della manifestazione Walsh del Galles, Bustamante di Andorra e il sammarinese Julian Gualtieri.

 

E ORA IL TORNEO UNDER 18

La Federazione Sammarinese Pallacanestro rivolge un sincero ringraziamento a tutti i protagonisti sul campo e a tutti coloro che hanno reso possibile il torneo; ma le emozioni non finiscono: da martedì 19 a sabato 23 andrà in scena l'Europeo Under 18. Il torneo partirà martedì con la sfida Galles-Gibilterra alle ore 16; alle 18.15 la cerimonia d'apertura e a seguire il debutto di San Marino contro la forte Moldavia. La cerimonia d'inaugurazione acquista ancor più prestigio, visto che la FSP avrà l'onore di ricevere la visita del Presidente della FIBA Europe Olafur Rafnsson (il Platini del basket per intenderci), del Segretario Generale Nar Zanolin e del 'monumento della pallacanestro italiana' Dino Meneghin. Inutile sottolineare che l'appuntamento è imperdibile.