Basket, l’Under 18 di San Marino piega anche Andorra. Medaglia sempre più vicina
PDF Stampa
Giovedì 21 Luglio 2011

SAN MARINO - Proseguono i campionati Under 18 di basket Divisione C a San Marino. E la nazionale di casa, spinta da un fenomenale Gualtieri, autore di 43 punti, conquista un'altra grande vittoria, questa volta ai danni di Andorra (75-65): ora nessun traguardo è irraggiungibile. Vince facilmente la Moldavia contro Gibilterra.

 

ANDORRA - SAN MARINO 65-75

BasketU18_JulianGualtieriI biancazzurri partono bene (18-28) vengono ripresi e superati a cavallo del secondo e terzo periodo, poi reagiscono e alla terza sirena sono avanti 49-40, grazie alla zona che non abbandoneranno più. L'ultima frazione è più che avvincente, i biancazzurri hanno problemi di falli, subiscono a rimbalzo l'impatto fisico dei lunghi di Andorra (alla fine 60-34 il computo dei rimbalzi), ma lottano su ogni pallone. Sempre cinque difensori pronti a dare tutto, poi in attacco c'è Gualtieri, incontenibile, innumerevoli soluzioni offensive. Toglie lui le fatidiche castagne dal fuoco con una tripla, seguita da un'altra di Moretti (bene anche Gioele) e ancora una di Julian Gualtieri (nella foto).

Grande prova anche del centro Giannoni, presente e determinante in mezzo alla sua area, ma anche in attacco dove chiude con 10 punti (5/7 al tiro) mostrando buona mano dalla media ed esaltando il pubblico con una schiacciata in contropiede. Ancora cose positive da Guerra, ma chi è sceso in campo è stato importante: come già scritto, col cuore e la difesa si vince.

 

MOLDAVIA – GIBILTERRA 73-31

Tutto tranquillo nella serata per la Moldavia, che ha superato Gibilterra 73-31 (Solopa 15 punti). Per i moldavi dunque un pronto riscatto dopo il ko contro il San Marino nella combattutissima gara di apertura, mentre Gibilterra si conferma squadra cuscinetto di questo torneo.

Giovedì intanto si giocano Gibilterra-Andorra e Galles-Moldavia; San Marino torna in campo venerdì alle 16.30 contro Gibilterra_ due punti sulla carta facili che darebbero già la certezza della medaglia; poi sabato si chiude col Galles, e potrebbe essere l'apoteosi. Ma è presto per fare calcoli, avanti una partita alla volta e possibilmente vincerla.